David Eddings

David Eddings e il Ciclo Della Profezia

David Eddings
David Eddings

Sendaria, un paese di gente pragmatica, semplice e per lo più onesta. Garion, un ragazzo che vive insieme alla zia Pol in un podere dove il padrone gestisce una fattoria, famosa per le sue produzioni genuine, una piccola taverna, un buontempone misterioso che viene chiamato “Vecchio Lupo” e un pericolo non ancora definito che aleggia nell’aria degli inconsapevoli protagonisti.
Una delle saghe fantasy più belle di tutti i tempi comincia proprio così, nella routine di un paese tranquillo che viene sconvolto dalla presenza di un’ombra che mette in allerta i protagonisti e li costringe a intraprendere un viaggio in compagnia dei personaggi più strani che abbiano mai visto per la salvezza di Garion e del futuro stesso. Un percorso che vedrà l’arrivo di maghi, stregoni, divinità e tanta fantasia da incollare i lettori alle pagine di questa meravigliosa storia.
E’ l’inizio della lunga saga della Profezia, che comprende la trilogia dei Belgariad e la trilogia dei Mallorean, piena di colpi di scena, drammi, personaggi buoni e cattivi e perchè no… battaglie epiche!
David Eddings ci guida in questo mondo epico e fantastico con queste due trilogie e due perle scritte secondo i punti di vista dei due maghi principali della storia negli anni che precedono gli eventi della prima saga, quelli che oggi definiremmo prequel. Insieme alla moglie Leigh (musa ispiratrice del personaggio di zia Pol e della caratterizzazione delle “gentil donzelle” di tutti i libri) scrisse anche una terza saga, meno conosciuta che racconta di un essere onnipotente e smemorato.
L’autore lascia 2 eredità al mondo, una delle storie più belle mai scritte e un trattato – ebbene sì, un trattato – in cui guida i futuri scrittori di fantasy nella stesura delle loro idee e a dar vita alla propria fantasia.
Per cui non rimane che una cosa da fare… mettersi comodi e iniziare la lettura.

Giovanni Panzeri

Please follow and like us:

1 thought on “David Eddings e il Ciclo Della Profezia”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *