La città più cosmopolita del mondo? Dubai

Anche nel 2018, Dubai mantiene il titolo di città più cosmopolita del mondo e si conferma, come ormai da molti anni, un grande hub dove registrare la propria attività.

 

Dubai è attualmente la città più cosmopolita del mondo, con residenti nati all’estero che rappresentano l’83% della popolazione (2,6 milioni), provengono da oltre 200 paesi e parlano più di 140 lingue diverse. Dopo Dubai si attesta Bruxelles, con una popolazione nata all’estero per il 62%, i cui abitanti provengono da circa 140 paesi e parlano 86 lingue diverse.

Delle oltre 140 lingue differenti parlate dai residenti di Dubai, quelle più comuni sono l’arabo, l’inglese, l’hindi, l’urdu, il persiano, il bengalese, il tamil, il tagalog, il cinese, il malayalam, il francese, il tedesco e lo spagnolo.

Ma non è tutto: la popolazione di Dubai è attualmente pari a 3,14 milioni rispetto ai 2,97 milioni conteggiati alla fine del 2017, a dimostrazione del suo continuo trend di crescita.
Basti pensare che la popolazione dell’emirato, durante le ore di punta, tocca i 4,16 milioni al giorno!

Da alcune ricerche, inoltre, emerge che Dubai, insieme a Londra, Hong Kong, New York, Singapore e Tokyo sia tra i principali hub per tutti i tipi di flussi, come merci, servizi, finanza, persone, dati e comunicazioni.

Oltre a Dubai e Bruxelles, ci sono altre 11 città nel mondo in cui almeno un quarto dei residenti è nato all’estero: stiamo parlando di Toronto, Auckland, Los Angeles, Sydney, Singapore, Londra, New York, Melbourne, Amsterdam, Francoforte e Parigi.

Secondo alcuni studi, i flussi globali di beni, servizi e persone contribuiscono ogni anno tra i 250 miliardi di USD (Dh 917,5 miliardi) e i 450 miliardi di USD (Dh 1,65 trilioni) al PIL globale, ossia dal 15 al 25% del totale della produzione mondiale.
Viste queste stime, risulta molto appetibile sviluppare il proprio business in una global city come Dubai, proprio adesso che è in fase di forte e generosa espansione, sia in termini di posizionamento nel mercato mondiale, sia di crescita economica e di servizi.

Il vantaggio, quindi, di partecipare alla vita economico-finanziaria di Dubai e degli UAE è indubbio, specie nel momento attuale: la solidità del Paese, i forti strumenti per incentivare l’arrivo di investitori internazionali e favorirne le attività, le politiche orientate a far crescere e sviluppare l’economia degli UAE, convincono sempre più e consigliano di posizionarsi sul mercato emiratino con la propria azienda il prima possibile.

© riproduzione riservata

 

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *