Torino, al Museo dell’automobile lo spettacolo “Fabrizio De André Remember 2.0”

Martedì 20 novembre, presso il Museo dell’Automobile di Torino, si svolgerà lo spettacolo a scopo benefico “Fabrizio De André Remember 2.0, dedicato alle canzoni autoriali di Fabrizio De André.

Il celebre cantautore genovese sarà rappresentato da Marco Raiteri, avvocato e talentuoso artista torinese, che intratterrà il pubblico cantando e suonando la chitarra. Sua anche la direzione artistica della serata e dell’intera esibizione.

La manifestazione è organizzata dall’Inner Wheel Club Torino Europea con l’obiettivo di raccogliere fondi da destinare ai propri service internazionali, sociali e culturali, fra i quali spiccano il sostegno a “Casa Oz” e il restauro di opere d’arte da parte della Scuola di Restauro della Venaria Reale.

“Fabrizio De André Remember 2.0” sarà una fusione di melodia, poesia, canzone, recitazione e installazioni video-fotografiche in un tripudio di colori, suoni e arte, per ricordare un grande artista, sempre vivo e attuale anche per i più giovani.

Lo spettacolo nasce dalla ripresa del progetto “Fabrizio De André Remember”, elaborato nel 2013 da Francesco Procacci, prematuramente scomparso, ma la cui memoria ha ispirato Marco Raiteri; quest’ultimo, con grande impegno, ha saputo riunire, in un clima di gioiosa condivisione, vecchi amici e nuove leve, per celebrare insieme l’amore per la musica, e in particolare per la musica di De André.

Nel 2013, “Fabrizio De André Remember” venne eseguito e registrato alla Cappella dei Mercanti di Torino, luogo dalla bellezza storica; qui, il 24 giugno scorso, in occasione della festa patronale di San Giovanni, è stato presentato in anteprima il nuovo show che, conservando lo spirito originario, riflette ulteriormente sulla produzione di Faber e sul significato profondo della sua musica, in occasione del ventennale della morte che sarà nel 2019.

la locandina dell’evento

 

Il pubblico, quasi cullato dalle note della musica e dalla dolcezza delle poesie di Pablo Neruda, potrà prendere parte a un percorso nell’io di Faber, per oltrepassare il grande cantante e capire il filosofo, il poeta e, soprattutto, l’uomo che è stato.

In un periodo storico dominato dalle divisioni e dalla crisi imperante dei valori, De André offrirà una lezione di vita sul bello del mondo, in un viaggio introspettivo che, ponendo spesso in primo piano la sua amata Liguria con testi quali “D’ä mæ riva” o “Creuza de Mä“, mette in evidenza la sete di libertà, idealizzata, pura e immanente all’umanità.

Tale ideale costituisce il filo conduttore dello spettacolo, sia con riferimenti a una prigionia reale e autobiografica, come in “Hotel Supramonte“, sia in relazione al concetto di limite, ben evidente in “Le nuvole“, entità tali da impedire allo sguardo umano di vedere oltre.

Brani come “Fiume Sand Creek” o “S’I ‘ Fosse Foco“, figlio della contestazione sessantottina, accompagneranno gli ascoltatori in una vera e propria riflessione sull’uomo libero politicamente e socialmente; “Franziska” o “Andrea, Tema di Rimini” offriranno invece uno spunto per guardarsi nell’intimo nell’ottica dell’amore, mai avulso però dalla dimensione sociale.

Nell’ermetismo di alcune canzoni, nate dalla collaborazione con Massimo Bubola, è possibile scorgere l’arte senza tempo di Fabrizio De André, che possiamo immaginare assorto in riva al mare, mentre viaggia dentro se stesso, proprio come nella poesia “La notte nell’Isola” di Pablo Neruda.

Appuntamento, dunque, per martedì 20 novembre alle ore 21,15 presso l’Auditorium del Museo dell’Auto a Torino (corso Unità d’Italia n. 40). 

Il biglietto d’ingresso, dal prezzo di 20 Euro, potrà essere acquistato in prevendita contattando la segreteria del club o tramite la pagina Facebook dell’evento, nonché sino ad esaurimento dei posti disponibili la sera stessa dello spettacolo, presso le Casse del Museo, a partire da un’ora prima dell’inizio.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *