Pele e Alma, il nuovo album di Alessandro De Rosa e Fantine Tho

Esce oggi, martedì 22 febbraio 2022, Pele e Alma, il nuovo album realizzato dal compositore e produttore, nonché biografo del grande Ennio Morricone, Alessandro De Rosa e dalla cantautrice brasiliana, performer e attivista Fantine Tho, due volte disco di platino in Brasile.

Questo concept album, disponibile su tutte le piattaforme digitali, si configura come un vero e proprio viaggio musicale alla ricerca di ciò che ci collega a noi stessi, all’altro e alla natura.

Il tessuto sonoro, elettronico e acustico, di tradizione e sperimentazione, abbraccia e sostiene la voce femminile di Fantine Tho, che dalla narrazione di storie simboliche e universali di crescita personale, si trasforma sempre più spesso in canto.

“Alma” è una coscienza superiore che tende la mano e indica una possibile via verso una diversa comprensione delle cose. A lei si contrappone “Pele”, una voce maschile graffiante, spesso disperata e, nel bene e nel male, costantemente alla ricerca.  

Due identità, quindi, ma accomunate da un medesimo destino. Lei lo chiama a sé, ma lui sta cercando qualcosa che non ha ancora trovato. La natura è l’ispirazione. L’armonia è l’obiettivo.

“Pele e Alma è la versione portoghese del progetto internazionale (in lingua inglese) Flesh and Soul, in uscita nei prossimi mesi. L’album, della durata complessiva di 70 minuti, è una sorta di “meditazione musicale e si compone in totale di 8 tracce: un’ouverture chiamata Perseverança (O Sol Nascente) seguita da altri 7 passaggi – spiega Alessandro De Rosa – L’intento è stato quello di condurre i due protagonisti, e speriamo anche l’ascoltatore, da una condizione di frammentazione, ad una più profonda capacità di connessione, anzi, di riconnessione, con se stessi e col mondo circostante.” 

Le musiche di Pele e Alma sono profondamente legate al libro-eserciziario di prossima pubblicazione, composto dalle stesse storie narrate nell’album, da esercizi, percorsi di pratica meditativa, e dalle suggestive illustrazioni di Greta Desirèe Facchinato.

“Come artista brasiliana, Fantine Tho e il suo gruppo di lavoro Green Atlantic, da lei fondato, sono particolarmente sensibili rispetto alle serie problematiche ambientali legate al grande polmone amazzonico, oggi più che mai sfruttato e minacciato. Quando mi contattò aveva l’esigenza di modificare il suo percorso artistico e aprirsi ad un nuovo universo sonoro – conclude Alessandro De Rosa – Il suo desiderio era quello di contribuire ad amplificare la riflessione sulle grandi problematiche ambientali partendo proprio da questa svolta nella sua attività artistica. Così ho accettato la sfida. Siamo infatti entrambi convinti che il mondo interno ed esterno vadano intesi in realtà come un tutt’uno, e che quindi non si possa incentivare un cambiamento in uno dei due senza prendere in considerazione anche l’altro”. 

 

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.